7 - Sibane

GRAMÀTIK:

7.1 L’infinito flesso introdotto da to/zo
(Vd. Grammatica, pag. 42 e 350-354).

In cimbro esiste una seconda forma di infinito formata dalla preposizione to/zo + la radice del verbo a cui si aggiunge la desinenza -a (es. dar Håns heft å zo lirna).

Questa forma di infinito flesso si usa in primo luogo in dipendenza da un verbo per specificare la funzione finale o consecutiva dell’azione, es. bar gian to raita; bar nützan ‘z bazzar von prunn zo bezzra di roasan; i helftar zo traga ‘z holtz afte tetsch. Il soggetto del verbo all’infinito e lo stesso della frase principale.
Un altro uso tipico è quello legato ad un verbo che indica l’inizio e la fine di un’azione, es. dar Håns un dar Luis håm ågeheft/augehöart zo straita.
Infine, si può anche usare per completare un aggettivo o un sostantivo, es. ‘z iz destar zo venna; ‘z iz asó schümma zo höaraz; dise soinz di libardar zo lesa.

Esercizi

1 - Completa le seguenti frasi inserendo le parole nella forma corretta:
Dar hunt loaft uminùm . (vången in palù)
I pait moin tatta . (èzzan di supp)
Biar machan an kurs . (lirnen di zimbarzung)
'z hatt augehöart . (snaim)
I nütz di schaitzla . (züntn ‘z vaür)
Da soin in akhar . (lesan di patattn)
'Z khinn hatt ågeheft . (machan kompite)
Di måmma helft dar tochtar . (khnöppln)
Eråndre geat hèrta kan birt . (trinkhan guatn boi)
Dar tatta iz affon pontesöl . (pipàrn di pipa)
 
soluzioni    verifica