BIA MA KHÖTT:

3.2 Le sibilanti
(Vd. Grammatica, pp. 32-34, Introduzione di Zimbarbort, pp. 13-15). Usa Zimbarbort (www.zimbarbort.it) per imparare la pronuncia corretta.

Esempi
s summar ‘estate’, saltz ‘sale’, snea ‘neve’, slavan ‘dormire’, lesan ‘leggere’, snen ‘ascoltare’, khüssan ‘baciare’, missan ‘le messe’, bis ‘prato’, haus ‘casa’, khüss ‘bacio’, miss ‘la messa’
z grüazan ‘salutare’, paizan ‘mordere’, bazzar ‘acqua’, bizzan ‘sapere’, auz ‘fuori’, baz ‘che cosa?’, fluzz ‘fiume’, pizz ‘morso’
sch schual ‘scuola’, schatn ‘ombra’, schiff ‘nave’, schèll ‘campanaccio’, schan ‘lavare’, bischan ‘ripulire’, droschan ‘picchiare’, boschàizan ‘sporcare’, visch ‘pesce’, esch ‘frassino’, sch ‘rovo’, uasch ‘grondaia’


Per imparare correttamente a pronunciare le sibilanti del cimbro devi fare attenzione a dove appoggi la punta della lingua durante l’articolazione del suono. Se la punta della lingua tocca l’arcata alveolare, cioè, quella protuberanza ad arco nella quale sono infissi i denti incisivi superiori, allora ottieni il suono alveolare (es.: summar ‘estate’, khüss ‘bacio’, bis ‘prato’). Se tocca la base dei denti, dove questi entrano nella gengiva, allora ottieni il suono postdentale (es.: bazzar ‘acqua’, pizz ‘morso’). Se, invece, la lingua va a toccare il palato, allora si dà il suono postalveolare (es.: schual ‘scuola’, chan ‘lavare’, vich ‘pesce’.
La distinzione peculiare tra la sibilante alveolare e quella postdentale viene indicata in cimbro ortograficamente con i grafemi <s> e <z> (es.: bas ‘zolla’ opposto a baz ‘che cosa?’, du boast ‘tu sai’ opposto a er boazt ‘egli sa’). Entrambe possono essere sonore, cioè, accompagnate dalla vibrazione delle corde vocali (es. lesan ‘leggere’ opposto a grüazan ‘salutare’) o sorde, senza vibrazione (es.: haus ‘casa’ opposto ad auz ‘fuori’, khüss ‘bacio’ opposto a pizz ‘morso’). Osserva gli esempi nella tabella. Mentre la sibilante alveolare può comparire in inizio, in corpo e in fine di parola, quella postdentale compare solo in corpo e in fine di parola. Per quanto riguarda la sibilante postalveolare essa è indicata con il trigramma <sch> ed è seguita da vocale (es.: schual ‘scuola’) oppure la si trova in finale di parola (es.: esch ‘frassino’).


Schau bolau! Quando trovi una <z> in inizio di parola (es. zait), quella è un’affricata, cioè, una consonante composta da due suoni (tz). 



Esercizi

4 - s, sch, o z? Indica con una crocetta la forma corretta:
Forma corretta:
smaltz
schmaltz
Forma corretta:
sichl
zichl
Forma corretta:
schlintn
slintn
Forma corretta:
bazzar
bassar
Forma corretta:
hauz
haus
Forma corretta:
seal
zeal
Forma corretta:
zumma
tzumma
Forma corretta:
summar
zummar
Forma corretta:
drèschan
drèssan
Forma corretta:
gebèst
gebèscht
Forma corretta:
snea
schnea
 
soluzione    verifica