BIA MA KHÖTT:
(Vd. Grammatica, p. 32-34).

2.4 Le consonanti particolari

Esempi Pronuncia
ch lachan ‘ridere’, pach ‘torrente’, machan ‘fare’ come in “Bach
dj djung ‘giovane’, korédjarn ‘correggere’, fòldjo ‘giornale’, djar ‘anno’ come in giugno
h has ‘lepre’, hummar ‘fame’, bahémme ‘veloce’ h aspirata
g gel ‘giallo’, augel ‘tassa’, fadige ‘fatica’, gian ‘andare’, gialn ‘strillare’ come in ghepardo, in ghianda
k kart ‘carta’, kkn ‘pezzi’, hak ‘gancio’, kantou ‘angolo’, klokk ‘campana’ come in carta, in casa, in cortile
kh khalt ‘freddo’, hakhan ‘tagliare’, vlekh ‘asse’, khön ‘dire’ k aspirata, k + ch
ng singen ‘cantare’, ng ‘lungo’,ng ‘tenaglia’ come in zingaro
nj njòkkn ‘gnocchi’, njånka ‘neanche’ come in gnomo
tsch tschoi ‘cena’, tschan ‘scivolare’, fotsch ‘ciabatta’, tschinés ‘cinese’ come in cena, in cina
tz kratzan ‘grattare’, khatz ‘gatto’, saltz ‘sale’, boatz ‘frumento’ come in spazio
z solo in inizio di parola
zou ‘recinto’, zumma ‘cesto’, zånn ‘dente’
come in spazio



GRAMÀTIK:
(Vd. Grammatica, p. 36).

2.5 I fenomeni di assimilazione consonantica

Come abbiamo già visto (vd. 2.1), i verbi la cui radice termina in consonante occlusiva (b, d, g) presentano all’infinito semplice e alla 1 e 3 pers. plur. del presente indicativo dei fenomeni di coalescenza per i quali tale consonante si fonde con la desinenza -n di quelle forme, dando luogo ad un nuovo suono assimilato:

b + nm es. schraib + nschraim (lem ‘vivere’, gem ‘dare’);
d + nn es. red + nren (rain ‘strizzare’, sian ‘bollire’);
g + nng es. zoag + nzoang (sbaing ‘tacere’, staing ‘salire’);

Gli stessi fenomeni assimilatori si verificano tra la consonante finale della radice dei sostantivi e la desinenza -n del plurale:

es. di öbe ‘pecora’ + ndi öm (di ram ‘le rape’, di varm ‘i colori’);
es. di staude ‘arbusto’ + ndi staun (di rün ‘i grovigli’, di man ‘i mannelli di fieno’);
es. dar pèrge ‘monte’ + ndi pèrng (di faing ‘i fichi’, di stiang ‘le scale).

Un’altra regola di assimilazione molto pervasiva in cimbro riguarda la coalescenza di alcune consonanti finali della radice del verbo con la desinenza -t che, come abbiamo già visto (vd. 2.2) caratterizza la terza persona singolare e la seconda plurale dell’indicativo presente e, come vedremo nella lezione 9, il participio passato. Le trasformazioni sono le seguenti:

m + tmp es. sbim + t → 3 pers. sing. / 2 pers. pl. sbimp
→ part. pass. gesbimp;

g + t → k es. leg + t → 3 pers. sing. / 2 pers. pl. lek
→ part. pass. gelekk;*

ng + tnk es. ng + t → 3 pers. sing. / 2 pers. pl. nk
→ part. pass. gevånk;

m + tnt es. khem + t → 3 pers. sing. / 2 pers. pl. khent
→ part. pass. gekhent.
---
*Il raddoppiamento della consonante è una convenzione ortografica con la quale si indica che la vocale precedente è breve.

Esercizi

9 - Individua nel testo le vocali e le consonanti particolari del cimbro:
A djungar per iz gånt inn pa balt lürnane un gaülane. In tiaf von balt hatten gehöart a vinkh. Dar schümma vogl hatten gerüaft un hatten khött: “Baz hasto asó zo lürna un zo gaüla, liabar moi per?” Un dar per hatten khött: “I hån vorlort moi muatar, un est izztada niamat mear bodamar gitt an trupf milch.“ “Eh bènn, un baz izta letzez?“ hatten khött dar vinkh. “I hån nia getrunkht khummana milch, un da sige ke i lebe allz ummaz“. “Vinkh, vinkh“ - hatten khött dar per - “ma khenntarz å in di schinkh ke du hast nia getrunkht di milch“. Ünsarne altn defatte håm herta khött: “Vinkh, vinkh, magarne schinkh.“ Un giovane orso andava per il bosco urlando e piangendo. Nel profondo del bosco lo udì un fringuello. Il bell'uccello lo chiamò e gli disse: “Che cosa hai da piangere, caro il mio orso?“ e l'orso gli disse: “Ho perso mia madre e adesso non c'è più nessuno che mi dia un goccio di latte.“ “Eh beh, e cosa c'è di male?“ gli disse il fringuello. “Io non ho mai bevuto nessun latte e qui vivo ugualmente.“ “Fringuello, fringuello“ - gli disse l'orso - “te lo si riconosce nelle gambe che non hai mai bevuto latte.“ I nostri vecchi infatti dicevano sempre: “fringuello, fringuello, gambe magre.“
10 - Impara il lessico cimbro. Ricorda: le parole vanno imparate sempre con l’articolo e il plurale. Aiutati con Zimbarbort on-line (www.zimbarbort.it) per imparare la pronuncia corretta e i significati: