GRAMÀTIK:

11.2 I possessivi (aggettivo e pronome)
(Vd. Grammatica, p. 174-182).

I possessivi esprimono una relazione tra un’entità e il suo possessore. Se usati come aggettivi accompagnano il nome (moi hunt, moi tochtar, moi khinn) identificandone il possessore attraverso la scelta della forma (moi, doi, soi, …) secondo la seguente declinazione:

Maschile
singolare
Femminile
singolare
Neutro
singolare
Plurale
Nom. moi hunt
doi hunt
soi hunt
ünsar hunt
aür hunt
soi hunt
moi tochtar
doi tochtar
soi tochtar
ünsar tochtar
aür tochtar
soi tochtar
moi khinn
doi khinn
soi khinn
ünsar khinn
aür khinn
soi khinn
moine hennen
doine hennen
soine hennen
ünsarne hennen
aürne hennen
soine hennen
Dat. moin hunt
doin hunt
soin hunt
ünsarn hunt
aürn hunt
soin hunt
moinar tochtar
doinar tochtar
soinar tochtar
ünsarn tochtar
aürnar tochtar
soinar tochtar
moin khinn
doin khinn
soin khinn
ünsarn khinn
aürn khinn
soin khinn
moin hennen
doin hennen
soin hennen
ünsarn hennen
aürn hennen
soin hennen
Acc. moin hunt
doin hunt
soin hunt
ünsarn hunt
aürn hunt
soin hunt
moi tochtar
doi tochtar
soi tochtar
ünsar tochtar
aür tochtar
soi tochtar
moi khinn
doi khinn
soi khinn
ünsar khinn
aür khinn
soi khinn
moine hennen
doine hennen
soine hennen
ünsarne hennen
aürne hennen
soine hennen

I possessivi, usati come pronomi, seguono l’articolo nella forma usata con gli aggettivi (vd. lezione 10), con l’aggiunta della desinenza –en (+ n di appoggio) al dativo femminile e al plurale.

Forme per il pronome possessivo al nominativo maschile:
dar
moi (doi, soi, ünsar, aür, soi)

Forme per il pronome possessivo al nominativo femminile:
da
moi (doi, soi, ünsar, aür, soi)

Forme per il pronome possessivo al nominativo neutro:
daz
moi (doi, soi, ünsar, aür, soi)

Forme per il pronome possessivo al dativo maschile:
in
moi (doi, soi, ünsar, aür, soi)

Forme per il pronome possessivo al dativo femminile:
dar
moinen (doinen, soinen, ünsarn, aürn, soinen)

Forme per il pronome possessivo al dativo neutro:
in
moi (doi, soi, ünsar, aür, soi)

Forme per il pronome possessivo all’accusativo maschile:
in
moi (doi, soi, ünsar, aür, soi)

Forme per il pronome possessivo all’accusativo femminile:
da
moi (doi, soi, ünsar, aür, soi)

Forme per il pronome possessivo all’accusativo neutro:
daz
moi (doi, soi, ünsar, aür, soi)

Forme per il pronome possessivo al nominativo plurale:
di
moinen (doinen, soinen, ünsarn, aürn, soinen)

Forme per il pronome possessivo al dativo plurale:
in
moinen (doinen, soinen, ünsarn, aürn, soinen)

Forme per il pronome possessivo all’accusativo plurale:
di
moinen (doinen, soinen, ünsarn, aürn, soinen)



Schau bolau! Come avrai notato, il cimbro differentemente dall’italiano, di solito non utilizza l’articolo determinativo davanti al pronome possessivo. È, quindi, sbagliato, dire o scrivere: dar moi hunt, a meno che non si voglia usarlo con un valore contrastivo: dar aür hunt hatt gepèllt da gåntz nacht nèt dar ünsar. Anche l’articolo indeterminativo non può essere usato assieme al pronome possessivo, come invece, nell’espressione italiana ‘un mio amico’. In cimbro bisognerà, quindi, dire a tschell dar moinen (un amico dei miei).
Quando al pronome possessivo segue un aggettivo, questo si declina secondo la declinazione forte dell’aggettivo (vd. lezione 10): moi altar hunt, moi groaza diarn, moi khlummaz khinn

Esercizi

2 - Inserisci l’aggettivo possessivo appropriato al nominativo:
Du, bia hoasto? Belar iz doi nåm.
Iar, bia hoaztar? Belar iz nåm?
Se, bia hoazansa? Belar iz nåm?
Biar, bia hoazpar? Belar iz nåm?
Er, bia hoaztar? Belar iz nåm?
Iz, bia hoaztz? Belar iz nåm?
Si, bia hoaztze? Belar iz nåm?
I hoaz Håns. nåm iz Håns.
‘Z khinn boda spilt hoazt Mario. nåm iz Mario.
 
soluzioni    verifica
3 - Inserisci l’aggettivo possessivo appropriato:
I hån moi vedar pitt miar.
A tiabas a bòtta di Eva vorgèzzt marenn.
I laige nèt gearn libardar.
Bar vennen nemear schuallibar.
Lazzmar seng vote.
I grüazte, Mariale! Bia stianda eltarn.
Dar Mario hatt ågerüaft måmma haüt.
Disa hütt gehöart sbestar.
Bem schenkhtar dise roasan? Bar schenkhanse tånte.
Pitt bem giansa ka Slege? Sa gian pitt tschelln.
 
soluzioni    verifica
4 - Traduci facendo attenzione al corretto uso dei possessivi (aggettivi e pronomi):
Il mio bambino è oggi ammalato, il tuo sta bene. →
.
Il nostro cane è nero, il vostro è bianco. →
.
Le case di Luserna sono colorate, ma la mia è grigia. →
.
Il nonno di Carlo è anziano, il mio molto meno. →
.
Gli alberghi di Cortina sono molto belli, i nostri un po’ meno. →
.
 
soluzioni    verifica
5 - Inserisci l’aggettivo/pronome possessivo appropriato nella forma corretta:
Dar Luis und dar Håns nèchta håm gehatt tschelln tschoina. Se håm gezoaget tschelln naügez haus.
I grüazaz, Baltar! Bia geatz liaban spusa? Bia geatz schümman khindar? Baz machtze djüngarste tochtar?
I hoffe azta hear Müller vång treno zo giana in Taütschlånt.
Bar schraim a lettar vatar. Schraibetar ummana eråndre o vatar?
Richard pipárt nemear. Di zigarettn schedegen gesunthait.
Mòrng geabar auz in München. treno partìrt di viare in tages.
Di schüalar gem heft maistro nåtoschauga, da spèrrn libardar un gian dahuam kann eltarn.
Di schüalar khön: “dar Andrea iz maistro“.
 
soluzioni    verifica
6 - Osserva e confronta i dimostrativi nel seguente racconto:
Disa iz an alta stòrdja boda hatt hèrta aukontàrt moi nona. Daz sèll alt baibe hatt nia augehöart zo kontara stòrdje vo dise djar un i pinme nia darmüadet zo lüsnase. Inar bòtta, hatta hèrta kontàrt da sèll alt nona, vo Robån zo giana ka Slege, di laüt håm gemocht machan a gåntza långa khear ume ’z tal her un ditza iz nèt gest eppaz dèstarz. Asó di baibar håm ågeheft zo legase panåndar zo vorsa in hoachan, boda håm geschafft in da sèll zait, azza machan a prukk übar ‘z Asstal. Alle dise baibar soin gånt alle tage untar in kamouhaus zo hoka un zo mèkka afte fånnen zoa azta di sèlln hoachan höarnse. Da sèll boda hatt geschafft alln in baibar hattze gehoazt Tona, ma alle håmar khött da Zimbar Tona. Balamång dar pürgarmaistar, süaz un saur auzzohalta alln in sèll gazèr, hatt gerüaft in statthaltar vo Venedig auvar. In sèll tage boda dar statthaltar iz khent ka Slege auzzomacha di sachandar, da Zimbar Tona hatt augevånk un iz gånt zo sitzase afte stiang von haus von simm kamoündar, vorhoazante ke di berat nèt vortkhent vo sèmm sin azze nèt hebat gebunnt daz sèll bose hatt geböllt. Ditza baibe hatten gehatt någetrakk a groazez horn: “Balda dar statthaltar bartaz gem resóng, barte faivan ‘z horn” hattz khött. Dar statthaltar iz gest a rèchtar månn un in biane zait hattar zuargètt azta khemm gemacht disa prukk. Da Zimbar Tona hatt gefift ‘z horn un ka Robån, balsaz håm gehöart, håmsa gelaütet alle di klokkn. Disa prukk izta no haüt un azzar böllt gian vo Robån ka Slege bartarda gian übar. Questa è una vecchia storia che mi raccontava sempre mia nonna. Quella vecchia signora non smetteva mai di raccontare storie degli anni andati e io non mi stancavo mai di ascoltarla. Un tempo, raccontava sempre la vecchia, da Roana per andare ad Asiago le persone dovevano fare un lungo giro attorno alla valle e questo non era una cosa comoda. Così le donne hanno deciso di mettersi insieme e di chiedere alle autorità che in quel tempo comandavano, di fare un ponte sopra la Val d'Assa. Tutti i giorni quelle donne andavano sotto alle finestre del municipio per battere sulle padelle per farsi sentire da quelli che comandavano. Quella che comandava le donne si chiamava Antonia, ma tutti la chiamavano la Zimbar Tona. Un bel giorno il sindaco, stufo di sentire tutta quella gazzarra, ha chiamato il prefetto da Venezia. Quel giorno in cui il prefetto venne ad Asiago per risolvere la situazione la Zimbar Tona prese e si andò sedere sulle scale dalla casa delle Magnifica Reggenza dei Sette Comuni, promettendo che non si sarebbe più mossa da lì se non avesse vinto quello che voleva. Questa donna aveva portato con sé un grande corno: "Quando il prefetto ci avrà dato ragione suonerò il corno" disse. Il prefetto era un uomo onesto e in poco tempo ammise che si facesse questo ponte. La Zimbar Tona suonò il corno e a Roana quando lo sentirono suonarono tutte le campane. Questo ponte c'è ancora oggi e se vorrete andare da Roana ad Asiago ci passerete sopra.