10 - Zene

GRAMÀTIK:

10.1 L’aggettivo
(Vd. Grammatica, p. 124-142).

In cimbro l’aggettivo può svolgere funzione predicativa, avverbiale e attributiva.
La funzione predicativa è quella collegata ai verbi cosiddetti copulari, cioè soin ‘essere’ e khemmen ‘diventare’. In questo caso l’aggettivo segue il verbo e rimane invariato, cioè nella sua forma di base: I pin luste; dar månn iz luste; iar sait luste; di khindar soin luste; I khimm raich; di Tetschnar soin khent raich; di tånte bart khemmen raich.
La funzione avverbiale è quella in cui l’aggettivo viene usato come se fosse un avverbio. Anche in questo caso segue il verbo e rimane invariato: dar sink schümma; dar Håns izzt guat; dise djar hattma gelebet arm.
La funzione attributiva specifica una proprietà o una caratteristica del sostantivo a cui si riferisce. In cimbro l’aggettivo precede immediatamente il sostantivo e deve concordare con esso in genere, numero e caso. La concordanza si esprime attraverso delle desinenze che variano a seconda che il sostantivo sia preceduto dall’articolo definito (la cosiddetta declinazione debole) o da quello indefinito (la cosiddetta declinazione forte): Da alt khirch vo Lusérn iz gest in Platz; di gekhennatn dökhtür stian in di statt; bar boroatn di tschoi vor in djung faff; i sige an groazan albar; i gibe a bòkkl dar schümman diarn; in vorgånnate såntzta hattma gedenkht di gevallatn.


La declinazione debole dell’aggettivo

Si caratterizza per la desinenza –n al plurale, che rimane invariabile in tutti i casi (nominativo, dativo, accusativo): di altn khirchan; in schümman diarnen; vor di bravatn puam. È sempre possibile avere delle vocali di appoggio (a oppure e) tra la consonante del tema e la desinanza per facilitare la pronuncia (di groazan månnen, vor di djungen puam).
Al nominativo singolare di tutti e tre i generi (maschile, femminile e neutro), invece, abbiamo l’assenza della desinenza (cioè si prende la forma base): dar alt månn, da alt diarn, daz alt mentsch. Altre volte si trova la desinenza –e. Questo si verifica con gli aggettivi che terminano in –at (narrat: dar narrate månn, da narrate diarn, daz narrate baibe) o –ant (bachant: dar bachante månn, da bachante diarn, daz bachante baibe) e con quelli che terminano in –ekh (ebekh) che diventa –ge (dar ebege erbl, da ebege sait, daz ebege gåbont).


Schau bolau! Senza desinenza sono anche quegli aggettivi che alla forma base terminano in vocale (–a oppure –e), che quindi non vanno confuse come desinenza: dar khlumma pua, da schümma diar, daz hültzra vestar; dar trüabe tage, da plabe tür, daz khluage mel. Alcuni di questi, tuttavia, aggiungono la desinenza –ge: dar zornege pua, dar bahemmege auto


Al caso dativo e accusativo gli aggettivi si comportano nello stesso modo del nominativo (vd. sopra), cioè o rimane la forma base oppure, nelle tipologie indicate, troviamo la desinenza –e. Unica eccezione è data dal dativo femminile e dal plurale, dove gli aggettivi prendono la desinenza –n (vd. caselle colorate).

Nom. dar alt månn da alt diarn daz alt mentsch di altn månnen
Dat. in alt månn dar altn diarn in alt mentsch in altn diarnen
Acc. in alt månn da alt diarn daz alt mentsch di altn månnen

Nom. dar narrate pua da narrate diarn daz narrate mentsch -n
Dat. in narrate pua dar narratn diarn in narrate mentsch -n
Acc. in narrate pua da narrate diarn daz narrate mentsch -n


La declinazione forte dell’aggettivo

Questa declinazione si utilizza quando l’aggettivo segue l’articolo indeterminativo (a) o quello possessivo (moi, doi, soi, …) oppure quando non c’è alcun tipo di determinante. La declinazione forte è caratterizzata dall’aggiunta di una desinenza specifica per ogni caso, secondo il seguente schema. È sempre possibile avere delle vocali di appoggio tra la consonante del tema e la desinanza per facilitare la pronuncia (inan groazan månn).

Nom. an altar månn an alta diarn an alt(e)z mentsch alte månnen
Dat. inan altn månn inar altn diarn inan altn mentsch altn diarnen
Acc. an altn månn an alta diarn an alt(e)z mentsch alte månnen

Esercizi

1 - Completa gli aggettivi, dove è necessario, con la desinenza corretta:
Da guat måmma hatt gehatt a schümma khinn. Dar tatta iz gest a bravat månn boda hatt vil gearbatet. Måmma, tatta un khinn soin gestånt inan khlumma lånt boda hatt gehatt an hoacha kampanìll un an groaz bait platz. Di drai laüt håm gelebet in a haüsle pinn grümma lükhar un a roat tach. Alle dise boda soin gånt afte sèlln saitn håm khött: “Schauge daz sèll schümma haüsle! Da boll beratz schümma lem!” Ma inan traure tage izta herkhent a sötta schaüla bèttar ke ‘z hatt gemacht di vort. Allz an stroach daz schümma roat tach iz geflattart in tunkhl hümbl un izzese postàrt in gåntz afta bait grümma bis. Balda daz schaüla bèttar hatt någett da guat måmma, dar bravate tatta un daz schümma khinn håm genump daz roat tach un håmz bidar gelekk atz haus.
 
soluzioni    verifica
2 - Completa gli aggettivi, dove è necessario, con la desinenza corretta:
Di rüst iz kafèdat ; I hån a kafèdat rüst; Da kafèdat rüst iz buschizzt.
Gestarn hånne gevüart moin roat auto in di bèrkhstatt; moi roat auto gevallmar nemear.
Di vedar iz roat ; i hån a roat vedar; da roat vedar iz geprocht; mach in spitz dar roat vedar; di roat vedarn soin sèmm.
Firenze iz a schümma statt; di beles stattn soin schümma ; in Beleschlånt soinda schümma stattn.
Dar auto iz bahemme ; di bahemme aute soin schümma ; moin bahemme auto menglta a liacht; gestarn hånne gekhoaft an taütsch moin bahemme auto.
Dar Hasplkhnott iz hoach ; die pèrng soin hoach ; dar Martin staiget au hoach pèrng; afte hoach pèrng izta sa dar snea.
Di khåmmar iz saubar un barm ; dar fremmege hatt geschafft a saubr un barm khåmmar.
Dar tisch iz groaz ; gibe an putzar in groaz tisch; gibe an putzar inan groaz tisch; gibe an putzar in groaz tischan.
 
soluzioni    verifica
3 - Inserisci l’aggettivo corretto scelto tra i seguenti prestando attenzione anche alla desinenza corretta: alt – gekhennat – groaz – naüge – letz – djung – schümma – starch – roat – belesch
Da statt hatt an kastèll un an khirch.
Peng in bèttar gestarn saibar gestånt dahumman.
Di statt vo Roma hatt palètz.
I hån gekhoaft gestarn an auto.
Dar pekh iz a månn.
Moi sbestar hattar gekhoaft zboa mentl.
 
soluzioni    verifica